Vulcani Sintesi Zanichelli, Frasi In Spagnolo Amicizia, Codice Di Diritto Canonico Vaticano, Lezioni Di Letteratura Italiana Powerpoint, Laurea Triennale Economia A 28 Anni, Giovanotto Di Macchina Lavoro, Gloria Frisina Spartito Pdf Non Temere, La Decina Sull'abaco, " /> Vulcani Sintesi Zanichelli, Frasi In Spagnolo Amicizia, Codice Di Diritto Canonico Vaticano, Lezioni Di Letteratura Italiana Powerpoint, Laurea Triennale Economia A 28 Anni, Giovanotto Di Macchina Lavoro, Gloria Frisina Spartito Pdf Non Temere, La Decina Sull'abaco, " />
"SIGUE EL RADAR DE LA SUSTENTABILIDAD"

Search

(icono) No Borrar
Imprimir Imprimir

romeo e giulietta frase finale

(1792-93); Drei kleine Nachahmungssätze (Fa Magg. Descritta da Michel Lecompte come «la più serena, la più ridotta e la più melodica delle nove sinfonie» e nel medesimo tempo la più atipica,[31] è l'omaggio alla natura di un compositore profondamente innamorato della campagna, nella quale ritrovava sempre la calma e la serenità propizie alla sua ispirazione. La Corte federale d’appello dovrebbe pronunciarsi invece entro il 20 luglio. Costumi e ricostruzione straordinari per un'opera vincitrice dell'Oscar. Due pianeti vicini ma opposti a causa di un sistema solare a gravità doppia, attratti uno dall'altro. Si sa anche che fu affascinato dal Panteismo descritto da Goethe e da Schiller (come è evidente nella Nona Sinfonia). 59 "Razumovsky", Quartetto per archi in Mi bemolle maggiore op. Fece allora domanda di impiego alla direzione dei teatri imperiali, dove si impegnò a consegnare annualmente un'opera e un'operetta richiedendo la somma di 2400 fiorini e una percentuale sugli incassi dalla terza rappresentazione di ciascun opera, ma la domanda non venne accolta. Il film nasce da un'immagine: 2 montagne invertite che si fronteggiano, una sotto l'altra; su ciascuna delle vette un essere umano: un maschio, in basso, che guarda verso l'alto, e una femmina in alto con la testa rivolta verso il basso. [12] Questo giovane genio meriterebbe un sussidio per permettergli di viaggiare.». Il 17 dicembre 1770 nella Remigiuskirche (Chiesa di San Remigio) di Bonn venne battezzato il suo terzo figlio, il secondo del loro matrimonio. Fra queste influenze, il posto di Händel è privilegiato: questi non ebbe indubbiamente mai ammiratore più fervido di Beethoven, che (riferendosi alla sua intera opera, che aveva appena ricevuto) esclamò «Ecco la verità!», e che, al termine della vita, dichiarò di volersi «inginocchiare sulla sua tomba». Devi intuire diverse cose che non vengono spiegate bene e non soffermarti troppo sui dettagli lasciando correre diversi [...] In questi anni difficili, nel corso dei quali la sordità divenne totale, Beethoven produsse alcuni capolavori: le due sonate per violoncello n. 4 e 5 dedicate alla confidente Maria von Erdödy (1815) la sonata per pianoforte n. 28 (1816) e il ciclo pregnante di Lieder An die ferne Geliebte, (1815-1816), tratto dai poemi di Alois Jeitteles. Premessa: l’ostinazione vince su tutto. Mentre la sua situazione finanziaria diventava sempre più preoccupante, Beethoven cadde gravemente malato tra il 1816 e il 1817 e la sordità peggiorava e sembrò vicino al suicidio. IL FILM PERDE TUTTO IN UN FINALE INESISTENTE! E quindi immagino di dover tornare alla mia vita, al mio mondo. «Principe, ciò che siete, lo siete in occasione della nascita. Beethoven aveva composto un'opera oggi considerata fondamentale del repertorio lirico; eppure questa esperienza non venne ripetuta a causa delle troppe amarezze subite, nonostante lo studio di alcuni altri progetti tra cui un Macbeth ispirato all'opera di Shakespeare[29] e soprattutto un Faust da Goethe, verso la fine della sua vita. Il figlio di questi, Johann van Beethoven (1740 – 1792), padre di Beethoven, era musicista e tenore alla corte del principe arcivescovo elettore di Colonia Clemente Augusto di Baviera. 2013, 6 Variazioni, in sol maggiore, su tema originale WoO 77; 6 Variazioni sopra un tema originale in fa maggiore op. Questo film, non si puo definire ispirato dalla fantasia, perche è troppo ristretto di idee, e quelle che ci sono rasentano la mediocrità. Compralo subito, Due pianeti dell'Universo simili alla Terra. 53 "Aurora", Sonata n. 23 in fa minore op. magg. Sarà il maschio Adam a trovare il suo/la sua Eden infrangendo le regole ed entrando nel mondo proibito del benessere in cui un'eventuale infrazione compiuta nel passato deve essere rimossa per potersi conformisticamente adattare a un modus vivendi collettivo. Ma il film non ce la fa ad essere un capolavoro, nè sicuramente entrerà nei migliori film del 2013. Unreal City, 17 gennaio 2021 . Bisogna immaginare due pianeti così vicini che condividono il cielo, mentre tra le vette inverse dei monti due ragazzi s'innamorano avvicinandosi sottosopra con una fune. Videogioco ispirato a Romeo e Giulietta, è made in Italy Trevi e Saipem guidano il rimbalzo dell'oil, Raiway sotto stress Pavia, trovata morta in casa: un fermo per omicidio Il suo teschio venne acquisito dal medico austriaco Romeo Seligmann per ricavare un modello, tuttora conservato al Center for Beethoven Studies presso l'università statale di San Jose in California, mentre I suoi resti vennero sepolti nel Zentralfriedhof nel 1888. 127, Quartetto per archi in Si bemolle maggiore op. Beethoven, amareggiato, si ripromise di non comporre più nel futuro opere della durata superiore a un'ora, intenzione a cui non mantenne fede.[27][28]. per soprano, 2 tenori e 2 bassi WoO 96 (1815), Es ist vollbracht per Die Ehrenpforten di G.F.Treitschke per basso e coro WoO 97 (1815), Die Weihe des Hauses (la consacrazione della casa) ouverture e 9 pezzi tratti da "Le rovine di Atene" ma 3 sono di nuova composizione (1811 e 1822), Marcia e Coro in Mi bemolle Magg. Tra il 1819 e il 1820 l'ungherese Ferdinand Schimon, che aveva già ritratto Ludwig Spohr e Weber, ritrasse Beethoven: ne riprodusse la fronte ampia, il volto pieno e il mento a conchiglia, migliorando la forma del naso e facendogli volgere lo sguardo scrutatore verso spazi lontani e indeterminati (come già Kloeber). (WoO.36) (1785), Sestetto in mi bemolle maggiore per 2 corni e quartetto d'archi op.81b (1794-95), Serenata in re maggiore per flauto, violino e viola op.25 (1795-96), Adagio in mi bemolle maggiore per mandolino e clavicembalo (2 versioni)(WoO.43,2 e WoO.43,3) (1796), Sonatina (adagio) in do minore per mandolino e clavicembalo (WoO.43,1) (1796), Sonatina (allegro) in do maggiore per mandolino e clavicembalo (WoO.44,1) (1796), Andante con variazioni in re maggiore per mandolino e clavicembalo (WoO.44,2) (1796), "Quintetto" (seconda versione per Quartetto) in mi bemolle maggiore per pianoforte, violino, viola e violoncello op.16 (1796-97), Settimino per clarinetto, corno, fagotto, violino, viola, violoncello e contrabbasso in Mi bemolle maggiore op. 75 (1809), Tre lieder su poesie di Goethe, op. Adam si convince che sia morta finché un giorno molti anni dopo... Beethoven ha pubblicato trentadue sonate per pianoforte; a queste bisognerebbe aggiungere la sonata incompleta woO 51, le tre sonate WoO 47, composte probabilmente nel 1783 e dette sonate all'elettore (Kurfürstensonaten) in quanto dedicate al principe elettore Maximilian Friedrich von Königsegg-Rothenfels. Di essenza squisitamente ritmica – cosa che costituisce una grande novità – questi motivi si modificano e si moltiplicano. La causa diretta della morte del musicista, secondo le osservazioni del suo ultimo medico (il dottor Andras Wawruch) sembra essere la comparsa di una cirrosi epatica. [37] Nonostante la sua fama fosse sempre maggiore, Beethoven prendeva coscienza che qualcosa nei gusti musicali della Vienna di quegli anni stava mutando e come il pubblico viennese fosse sempre più sedotto dalla gaiezza della musica di Gioachino Rossini. WoO n.2 (ca.1810) (perduta, ma ne rimane una versione per pianoforte), 3 Cadenze per il Concerto N.1 op. Attraverso il suo celebre motivo ritmico di quattro note esposto fin dal primo movimento, che irradia tutta l'opera, il musicista intendeva esprimere la lotta dell'uomo contro il destino, e il trionfo finale su di esso. A soli diciannove anni, nel 1764, rimase vedova. Il suo avvicinarsi alla fede e al cristianesimo crebbe negli anni più duri della sua vita, come testimoniano le numerose citazioni di carattere religioso che trascrisse nei suoi quaderni a partire dal 1817. [23] In anni recenti è stata avanzata l'ipotesi che Beethoven soffrisse di avvelenamento da piombo cronico. WoO n.18, 3 versioni: (1 ver.) Un altro punto in comune fra le prime sonate di Beethoven e quelle, contemporanee o anteriori, di Clementi è la loro estensione, piuttosto significativa per l'epoca: i lavori che ispirano il giovane musicista sono in effetti opere di vasto respiro, spesso formate da ampi movimenti. Di Beethoven ce n'è soltanto uno.». Fin circa al, l'aspetto formale dell'influenza di Mozart si manifesta quasi esclusivamente a partire dalle opere del "secondo periodo". I Montecchi, però, qui non sono una famiglia, ma un mondo, detto [...] Quest’opera è successiva a un’altra delle sue più celebri: Romeo e Giulietta. Ora calpesterà i diritti umani, non obbedirà soltanto alla sua ambizione; vorrà elevarsi al di sopra di tutti gli altri, diventerà un tiranno!» — Reazione di Beethoven alla notizia che Napoleone si era proclamato imperatore, riportata da Ferdinand Ries, in: Massin J et B. Al poeta Christophe Kuffner il quale domandava quale fosse la sinfonia da lui preferita, Beethoven rispose: «L'Eroica! Tuttavia, Haydn esercitò un'influenza profonda e duratura sull'opera di Beethoven, che più tardi ebbe modo di riconoscere tutto ciò che doveva al suo insegnante. WoO n.54 (1790); 2 Esercizi (Do Magg. Più volte invitato a Londra, come Haydn, Beethoven ebbe la tentazione verso la fine della sua vita di stabilirsi in Inghilterra, paese che ammirava per la sua vita culturale e per la sua democrazia, in contrapposizione alla frivolezza della vita viennese[45], ma questo progetto non si realizzò e Beethoven non conobbe mai il Paese del suo idolo Händel. La storia d'amore è alquanto banale ma nonostante questo tifi affinché i due amanti riescano a stare insieme. In pieno possesso della sua vitalità creatrice, sembrò adattarsi al suo udito difettoso e trovare, almeno per qualche tempo, una vita sociale soddisfacente. L’opera è anche oggetto di grande interesse da parte dei critici, oltre per la partitura, anche per essere stata la rivelazione fondamentale nella vita del più grande ammiratore di Beethoven, Richard Wagner, il quale raccontò nella sua biografia di aver compreso che sarebbe divenuto compositore dopo averla ascoltata, lasciando la vocazione di scrittore in secondo piano. Marcia militare in Fa magg. Fu allora che ebbe un ritorno patriottico e l'occasione di staccarsi dall'aristocrazia viennese (1809). I suoi antenati provenivano dalla Mosella, molto probabilmente da Köwerich, da cui deriverebbe il cognome. ; re magg. Beethoven accettò, sperando di mettersi definitivamente al riparo dalle necessità, ma la ripresa della guerra tra la Francia e l'Austria nella primavera del 1809 rimise tutto in discussione. (Andante Favori, originariamente movimento centrale della sonata op.53) WoO n.57 (1803-1804); Bagatella in Do Magg. Meteo, traffico, appuntamenti Questi studi influenzarono notevolmente il suo temperamento romantico, già acquisito agli ideali democratici degli illuministi e della rivoluzione francese che si diffondevano allora in Europa: nel 1798 Beethoven frequentò assiduamente l'ambasciata francese a Vienna, dove incontrò Bernadotte e il violinista Rodolphe Kreutzer, al quale dedicherà nel 1803 la sonata per violino n. 9 che porta il suo nome. Ritirata n.1, con piccolo trio in Si bemolle maggiore (1822). Uscita cinema giovedì 28 febbraio 2013 e vlc.) Beethoven aveva promesso di seguire l'istruzione di suo figlio Karl e dovette far fronte a una serie interminabile di processi contro sua moglie – Johanna Reis, figlia di un tappezziere, considerata di dubbia moralità – per ottenerne la tutela esclusiva, infine guadagnata grazie a una sentenza del tribunale emessa l'8 aprile 1820. Che dire, non pensavo di annoiarmi così tanto al cinema, eppure è successo. Alla fine del XVIII secolo, Vienna era la capitale incontrastata della musica occidentale e rappresentava il luogo ideale per un musicista desideroso di fare carriera. Poiché Lichnowsky aveva minacciato di mettere Beethoven agli arresti se si fosse ostinato a rifiutare un'esibizione al piano per alcuni ufficiali francesi ospiti del castello (la Slesia era in quel momento occupata dall'esercito napoleonico dopo Austerlitz), il compositore lasciò il suo ospite dopo un violento litigio. Il primo movimento era già da solo più lungo di una intera sinfonia scritta fino a quel momento. non entro nel merito delle spiegazioni scientifiche che vengono date al fenomeno dal narratore (da laureato in materie scientifiche [...] I due Mondi (uno ricco e l'altro povero e "sfruttato") collegati, ma al tempo stesso divisi, si riferiscono palesemente (senza farne troppo mistero) al capitalismo ed ai "muri" che nella storia "reale" ben conosciamo [...] Uomo mediocre e brutale, dedito all'alcool, educò i suoi bambini con grande durezza. Vai alla recensione », È un film meno che un sogno. Un po' più fugaci furono gli incontri con la contessa Anna Maria von Erdödy (1779 – 1837) rimasta paralizzata a causa della perdita del figlio, che rimase comunque sua intima confidente, vivrà in casa sua per qualche tempo nel 1808 e parteciperà alla ricerca di ricchi mecenati per suo conto (le dedicherà le due sonate per violoncello n. 4 e 5), la cantante lirica berlinese Amalie Sebald (1787 – 1846), incontrata a Teplitz tra il 1811 e il 1812, e la contessa Almerie Ersterhazy (1789 – 1848). (in 2 versioni) WoO n.53 (1796-98); 7 Ländlerische Tänze (prob. Si racconta inoltre che le sue ultime parole, «Non ancora! Drammatico, Canada, 2013. «Ludwig van Beethoven è un ragazzo di undici anni[10] dal talento molto promettente. Nell'autunno di quell'anno Beethoven accompagnò il suo mecenate, il principe Carl Lichnowsky, nel suo castello di Slesia e in occasione di questo soggiorno diede la dimostrazione più luminosa della sua volontà di indipendenza. Due mondi vicinissimi ma irraggiungibili, quello di sopra ricco e potente e quello di sotto povero, decadente e sfruttato a morte dal mondo di [...] Fortunatamente non è così. Film semplice e gradevole. possono avvicinarsi alla terza per il loro aspetto monumentale. Prodotto senz'altro originale, ma inverosimile e dal finale improbabile, buona la recitazione e gli effetti speciali, la storia è un po' lenta e procede stancamente. e 2 fag. Vai alla recensione », dai tailers mi ero fatta un immagine diversa ma purtroppo mi ha un po deluso, la storia nn è male e mi sono piaciuti anche gli attori....ma ad un certo punto ha rallentato ed è diventato un po noioso.io metterei un nì. Eppure l'idea dei due mondi paralleli, ognuno dei quali con la propria forza di gravità e nuove leggi universali non è male, è il contesto giusto per creare un film fuori dalle righe. Nel luglio 1805 il compositore incontrò Luigi Cherubini, al quale non nascose la sua ammirazione. Vai alla recensione ». Il trio per pianoforte n. 7 detto «All'arciduca» e la settima sinfonia rappresentano l'apogeo del periodo «eroico». E se fossero vietati i contatti tra gli abitanti e che il mondo sopra fosse tremendamente ricco e quello sotto incredibilmente povero (metafora chiara?)? La rivoluzione nel 2021 è una luminaria di Natale. Le sonate nel corso degli anni si affrancano sempre più dai dettami classici previsti dalla forma sonata; gradualmente le composizioni guadagnano sempre più libertà di scrittura e diventano sempre più complesse. Apparentemente ci troviamo quindi di fronte a una rivisitazione di luoghi della narrazione già ampiamente esplorati. Gaspare Scuderi: Beethoven, le sonate per pianoforte, (prima ed. Essa fa parte delle cinque ultime sonate, nelle quali l'autore utilizza per i movimenti conclusivi tipologie più consone al quartetto d'archi che della sonata per piano come la fuga (finale opp. Quest'opera ebbe una genesi estremamente complessa che si può fare risalire alla gioventù di Beethoven e all'intenzione di mettere in musica l'ode Inno alla gioia (An die Freude) di Schiller. Questo corpus compositivo, in modo più evidente rispetto alle sinfonie, evidenzia l'evoluzione dello stile del compositore nel corso degli anni. 34 (1802); 15 Variazioni e una fuga in mi bemolle maggiore op. La trama è però modesta, il finale sbrigativo, buonista e quasi comico/ridicolo. Peccato. [senza fonte]. [17] Non passò molto tempo prima che Johann van Beethoven individuasse il dono musicale del figlio e tentasse di coltivarne le doti eccezionali per trarne il maggior profitto possibile, soprattutto economico. Pensando a Mozart bambino, esibito dal padre in tournée concertistiche attraverso tutta Europa una quindicina di anni prima, Johann avviò Ludwig allo studio della musica già dal 1775 e notandone fin dall'inizio l'eccezionale predisposizione tentò nel 1778 di presentarlo come virtuoso di pianoforte in un giro di concerti attraverso la Renania, da Bonn a Colonia e nel 1781 nei Paesi Bassi. Vai alla recensione ». 35, le 6 variazioni su di un tema originale in re maggiore Op. Aumentò lo stipendio a Johann van Beethoven, nonostante questi avesse ormai perso quasi completamente la voce, e nominò Ludwig secondo organista di corte con uno stipendio annuo di 150 fiorini. Le opere di Beethoven vennero apprezzate in particolare in virtù della loro forza emozionale, che verrà fatta propria dal Romanticismo. La filmografia su Beethoven si può agevolmente dividere in due parti distinte. (WoO n.25) (1792), Trio in do maggiore per 2 oboi e corno inglese op.87 (1794 opp. Rispetto a questi, Beethoven non è stato altrettanto prolifico, componendo solo nove sinfonie e lasciando alcuni abbozzi per una decima sinfonia mai realizzata; tra l'altro, tra l'ottava e la nona sinfonia passarono quasi dodici anni, circa il triplo del tempo occorso ad Haydn per comporre le sole sinfonie londinesi. L'inizio della composizione della nona sinfonia coincise con il completamento della Missa Solemnis. Alcuni biografi asseriscono che il padre cercasse di farlo passare di età più giovane di quella reale, per fare di lui un bambino prodigio simile a Mozart; questa tesi è stata tuttavia molto discussa. Capolavori dei rispettivi generi rimangono anche sue composizioni sacre, come la Missa Solemnis, e teatrali, come Fidelio. Cosciente di quanto rappresentasse a Vienna l'insegnamento di un musicista della fama di Haydn, Beethoven accettò di proseguire i suoi studi sotto la sua guida. Se potete risparmiate i soldi. 26, n. 14 in do diesis minore op. Vai alla recensione », "Upside Down", non si capisce perché, si sa benissimo essere un filmetto con poche pretese ma allo stesso tempo non si riesce a farlo passare senza voler soddisfare quella curiosità che il trailer innesta nella mente (un vero Inception). Tuttavia, è nel luglio 1792 che il conte Waldstein presentò Beethoven a Joseph Haydn, il quale, appena reduce da una tournée in Inghilterra, si era stabilito a Bonn. Non è possibile documentare con certezza la sua esatta data di nascita, che rimane convenzionalmente accettata al 16 dicembre 1770 (all'epoca i bambini venivano solitamente battezzati il giorno dopo la nascita effettiva, ma non esistono prove documentali che ciò sia avvenuto nel caso di Beethoven). su IBS.it. In un universo parallelo,fatto di due mondi gemelli-la terra di sopra(luminosa,ricca,privilegiata)e la terra di sotto(plumbea, povera,senza speranza)-,i rispettivi abitanti convivono senza mai potersi sfiorare.A separarli la gravità e le sue leggi intransigenti (pegno,per chiunque varchi il limite aereo tra un’atmosfera e l’altra,l’autocombustione)ma anche l’incolmabile [...] Alla fine dell'estate 1826, mentre completava il suo ultimo quartetto n. 16, Beethoven progettava ancora numerose opere:[47] una Decima sinfonia della quale sono giunti sino a noi alcuni schizzi, un'ouverture su temi di Bach, il Faust ispirato a Goethe, un oratorio sul tema biblico di Saul e Davide, un altro sul tema degli elementi e un requiem. "Incidere" ha in questo contesto il significato di "pubblicare", dal momento che la composizione delle pagine degli spartiti musicali era fatta tramite la tecnica dell'. 5 (in Fa maggiore e sol minore) (1796), Sonata in fa maggiore op. Nel maggio 1799 Beethoven divenne insegnante di pianoforte di due figlie della contessa Anna von Seeberg, vedova Brunswick, la ventiquattrenne Therese o Thesi e la ventenne Josephine o Pepi, oltre che di una cugina di queste, la sedicenne Giulietta Guicciardi (1784-1856), dedicataria della sonata per pianoforte n. 14 detta Al chiar di luna. Passato quasi inosservato, questo è un gran bel film da vedere magari con la propria compagna-o e immergersi nell'eterno (vedi Elysium) paradiso-inferno, ma in modo più sottile, effetti speciali o meno. Piero Pelù fin da giovanissimo è stato impegnato attivamente nel sociale. 74 "delle Arpe", Quartetto per archi in Fa minore op. «Nella sua apparenza esteriore tutto è possente, rude, in molti aspetti, come la struttura ossea del viso, della fronte alta e spaziosa, del naso corto e diritto, con i suoi capelli arruffati e raggruppati in grosse ciocche. Due mondi, il mondo di sopra e il mondo di sotto perfettamente paralleli nell'universo, ognuno con la propria gravità, il primo ricco e prospero mentre il secondo povero e vittima di continui sfruttamenti del mondo di sopra, [...] Scritto da Beethoven all'amico Krumpholz, The Occult Arts of Music: An Esoteric Survey from Pythagoras to Pop Culture, A Guide to Orchestral Music: The Handbook for Non-Musicians, Di questi, Gustav Mahler era ossessionato dalla "maledizione" al punto che rifiutò di catalogare, Anche conosciuta come "Marcia Funebre", anche se il titolo non proviene dall'autore, Il titolo originale dell'autore è «Sonata Quasi una Fantasia», Originariamente, l'autore non indica a questa Sonata nessun titolo, Beethoven and His World: A Biographical Dictionary, The Milton Cross New Encyclopedia of the Great Composers and Their Music, Beethoven. I due mondi (ognuno dei quali risulta rovesciato per l'altro) hanno strutture urbanistiche agli antipodi. forse per Tarpeja di Christoph Kuffner WoO n.2b (1813). Scelta sbagliata purtroppo, perché mi sono trovato davanti ad un film abbastanza mediocre, anche se ammetto di essere stato non poco intrigato dalla premessa [...] Vai alla recensione », Upside Down è un film, basato interamente su principi fisici fondamentali che caratterizzano l'universo, uno di questi è la forza di gravità. Negli anni che seguirono la sua morte furono formulate diverse ipotesi riguardanti una malattia di cui Beethoven avrebbe sofferto durante tutto l'arco dell'esistenza – indipendentemente dalla sordità, il compositore lamentava continui dolori addominali e disordini alla vista – e attualmente tendono a stabilirsi al livello di un saturnismo cronico o intossicazione severa da piombo.

Vulcani Sintesi Zanichelli, Frasi In Spagnolo Amicizia, Codice Di Diritto Canonico Vaticano, Lezioni Di Letteratura Italiana Powerpoint, Laurea Triennale Economia A 28 Anni, Giovanotto Di Macchina Lavoro, Gloria Frisina Spartito Pdf Non Temere, La Decina Sull'abaco,